Una domanda?
Bisogno di aiuto?

ExoView ™

ExoView™ è stato progettato specificamente per soddisfare le esigenze dei ricercatori nel campo delle Vescicole Extracellulari. Il supporto microarray consente di effettuare diverse misure simultaneamente utilizzando un grande numero di sonde, aumentando notevolmente la produttività. Il kit ExoView Tetraspanin contiene array funzionalizzati con anticorpi contro CD9, CD63, CD81, CD41a più controllo negativo IgG. Inoltre, la NanoView Biosciences può collaborare con i propri clienti alla progettazione e allo sviluppo di array con anticorpi contro un antigene specifico.

2019 ExoView™ R100 Brochure 2019 ExoView™ Tetraspanin Kit Brochure Tetraspanin Cargo Kit
Produttore Nanoview
Tecnica Single-Vescicle Multiparametric Analysis
Applicazione Particelle, virus, EVs
Misura la dimensione delle Vescicole Extracellulari

ExoView™ sfrutta le immagini ottenute dalla riflettanza interferometrica di particelle singole (SP-IRIS) e misura le dimensioni delle singole EV con elevata precisione, analizzando il segnale interferometrico delle EV legate ad un substrato. Questa metodologia consente di visualizzare e caratterizzare EV di piccole dimensioni, fino a 50 nm. L’intensità del segnale interferometrico è correlabile al raggio delle particelle elevato al cubo, conferendo alla misura un’elevata capacità di risoluzione rispetto alle tecniche esistenti. I campioni contenenti EV presentano spesso un’elevata polidispersità e numerose sottopopolazioni, pertanto la risoluzione della misura è un requisito importante: ExoView™ ha una risoluzione picco-picco significativamente elevata e consente di rilevare e separare in modo più accurato sottopopolazioni di vescicole distinte all'interno di un campione eterogeneo. L’alta risoluzione dello strumento ExoView™ è stata dimostrata separando cinque popolazioni di particelle sferiche di polistirene certificate NIST di dimensioni diverse (40nm, 70nm, 100nm, 150nm e 200nm) in una singola analisi. Pur sapendo che le particelle di polistirene non sono equiparabili alle EV, l'esperimento dimostra le capacità di risoluzione intrinseca della tecnica.

Figura 1: Distribuzione specifica di una miscela di particelle di standard NIST (50nm, 100nm, 150nm e 200nm). La linea blu continua indica i risultati di ExoView™ per una miscela di 4 popolazioni di particelle

Concentrazione delle EV

ExoView™ consente di misurare il numero di EV legate ad un chip, correlandolo ad una concentrazione di EV positivi all'antigene in soluzione. Vengono eseguiti test di controllo per garantire che gli eventi di legame misurati siano specifici e non correlati a legami aspecifici o agli aggregati associati all'anticorpo utilizzato per funzionalizzare la superficie del chip. L'array viene analizzato prima dell'incubazione del campione e qualsiasi evento contaminante può essere escluso dall'analisi. Allo stesso modo, gli eventi di legame non specifici osservati sul controllo negativo possono essere sottratti dai risultati sperimentali.
Il grafico seguente mostra la risposta di linearità dello strumento ExoView™. Il campione è stato diluito linearmente e il numero di EV positivi per CD81 è stato conteggiato per ogni diluizione. Una misura comparativa, effettuata con uno strumento basato su tecnica NTA (Nanoparticle Tracking Analysis), conferma la linearità dei dati ottenuti (non mostrato).

Fluorescenza a 3 colori

Misura la fluorescenza a 3 colori su singole EV’s legate al chip per microarray ExoView™.
Le vescicole extracellulari in soluzione vengono “catturate” senza purificazione e legate a uno dei 6 diversi anticorpi di cattura (più controllo) sulla superficie del chip ExoView™. È possibile aggiungere anticorpi fluorescenti secondari e misurare fino a 3 colori contemporaneamente. Gli anticorpi secondari sono uguali a tutti e 6 gli anticorpi di cattura.
L'elevata sensibilità di ExoView ™ può rilevare fino al singolo evento di legame, questo significa che anche le proteine scarsamente espresse sulla più piccola delle vescicole extracellulari saranno rilevabili.

Colocalizzazione dei biomarcatori

Questa immagine mostra le vescicole legate a un singolo punto anti-CD41a sul chip ExoView ™. Tutte le vescicole fotografate in questo punto sono quindi positive per CD41a.
Una volta legate, le vescicole sono state colorate con un “cocktail” fluorescente a 3 colori di anticorpi contro CD63 / CD81 / CD9.
Le macchie blu sono vescicole positive per CD41a + CD63.
Le macchie verdi sono vescicole positive per CD41a + CD81.
Le macchie rosse sono vescicole positive per CD41a + CD9.
Altri colori sono vescicole che esprimono varie combinazioni di segnale fluorescente R / G / B e CD41a (tramite acquisizione in superficie).
Tutte le vescicole vengono simultaneamente dimensionate e contate.
La colocalizzazione dei biomarcatori (4 marker per EV) consente di identificare e misurare sotto-popolazioni uniche di vescicole extracellulari.

Rilevamento del carico EV attraverso la fluorescenza 

Una volta legati al chip ExoView ™, le vescicole extracellulari possono essere permeate e possono essere sondate le proteine luminali e/o il loro contenuto. La fluorescenza a 3 colori consente una combinazione di colorazione di 3 proteine superficiali e / o proteine luminali su singole vescicole extracellulari.
Questi esperimenti mostrano la capacità di rilevare proteine luminali come ALIX e Sytenin attraverso la permeabilizzazione delle vescicole extracellulari legate.

ExoView ™: caratterizza le EV’S senza purificazione

L’influenza e variabilità introdotti attraverso la purificazione dei campioni sono comunemente citati come il più grande fattore limitante. ExoView supera questa sfida misurando solo EV specifici che presentano antigeni di superficie target. Lo fa senza la necessità di purificazione del campione.


Il Cargo prezioso degli esosomi: finalmente accessibile a tutti i ricercatori

In questo webinar approfondiremo le caratteristiche di una nuovissima tecnica basata su chip di interazione che rende accessibile il cargo degli esosomi, associata ad un'analisi in colocalizzazione.


Gli Esosomi: bottiglie messaggere in circolo nei fluidi biologici

Gli esosomi, assimilabili a bottiglie contenenti un messaggio al loro interno, sono vescicole sufficientemente piccole da muoversi liberamente nel nostro corpo e penetrare nella la membrana cellulare per consegnare il loro messaggio. Questa peculiare capacità apre scenari di ricerca rilevanti dal punto di vista diagnostico: i ricercatori stanno studiando la correlazione tra la quantità di esosomi nei fluidi biologici e la presenza di cellule tumorali.


ExoView: la fenotipizzazione di Vescicole Extracellulari a supporto della Biopsia Liquida

Una biopsia accurata e completa con un semplice prelievo del sangue? I ricercatori stanno trasformando questà possibilità in realtà e gli Esosomi giocheranno un ruolo determinante, ma nuove sfide, come la loro fenotipizzazione e l'analisi del cargo, richiedono nuove tecniche. Una nuova tecnologia viene in aiuto della scienza che studia gli esosomi e Alfatest ve ne parla in questo webinar.

Richiedi informazioni sul prodotto

Ho letto e compreso la Privacy Policy

 Accetto il trattamento dei dati per l'invio di informative tecniche e inviti agli eventi.