Una domanda?
Bisogno di aiuto?

Morphologi 4-ID

Il Morphologi 4-ID ha la capacità unica di associare tutti i vantaggi dell'Analisi Automatizzata d'Immagine fornita dal Morphologi 4 all'identificazione chimica delle singole particelle con spettroscopia Raman - il tutto in un'unica misura di MDRS® (Morphologically-Directed Raman Spectroscopy). L'aggiunta della spettroscopia Raman a un sistema di microscopia automatizzata fornisce un solido metodo di identificazione primaria per la verifica della natura chimica delle particelle e, insieme, le tecniche offrono il potenziale per quantificare, caratterizzare e identificare i particolati nelle formulazioni native, nonché quelli immobilizzati su un filtro. Queste capacità rispondono direttamente ai requisiti di qualità FDA per i farmaci somministrati per iniezione, in termini di conteggio del particolato per unità di volume. 

2018 Brochure Morphologi 4 series
Produttore Malvern Panalytical
Tecnica MDRS® Morphologically - Directed Raman Spectroscopy
Applicazione Stabilità, Contaminanti, Aggregazione, Imaging, Quantifica, Particelle

I punti chiave del nuovo Morphologi 4-ID:

  • La tecnica brevettata MDRS misura dimensione e forma specifica delle singole particelle per una caratterizzazione completa e accurata dell'intero campione. La combinazione di informazioni morfologiche e chimiche assicura una comprensione approfondita del campione
  • Gli accessori del Morphologi 4-ID consentono di analizzare il particolato presente in una sospensione o direttamente su un filtro.
  • Lo strumento è conforme alle indicazioni 21 CFR Part 11
  • Tutte le funzioni del Morphologi 4 sono integrate con il sistema MDRS per la caratterizzazione e identificazione chimica delle particelle
  • La misura automatica dello spettro Raman di migliaia di particelle consente di risparmiare tempo prezioso.
  • Il software intuitivo garantisce facilità d'utilizzo sia ad operatori esperti che meno esperti.
  • L'export dei dati in un formato standard consente di sfruttare le librerie di terze parti per l'identificazione di componenti sconosciuti
  • Il sistema si adatta alle esigenze dell'utente o ai requisiti dell'applicazione, consentendo l'identificazione delle particelle per l'analisi chimica nei seguenti modi:
    - Manualmente, a partire dall'immagine
    - Per caratteristiche morfologiche, sulla base di classificazioni impostate dall'utilizzatore (MDRS)
    - Automaticamente ed oggettivamente, tramite il software

La misura è divisa in 5 fasi, ognuna automatizzata grazie ad una SOP se necessario:

  • Preparazione del campione
    Il Morphologi 4-ID consente l'analisi della maggior parte dei campioni analizzabili con il Morphologi 4, preparati su vetrini da microscopio (incluse sospensioni) o con il sistema integrato per la dispersione di polveri a secco. Particelle raccolte su filtri sono analizzabili dal momento che il materiale del filtro sia compatibile con l'analisi Raman.Separare individualmente le particelle e gli agglomerati è uno step fondamentale per ottenere risultati rappresentativi. 
  • Acquisizione d'immagine
    Il Morphologi 4 acquisisce le immagini delle singole particelle attraverso una scansione del campione con il microscopio ottico. E' possibile illuminare il campione sia dall'alto che dal basso, e controllare accuratamente i livelli di illuminazione. 
  • Analisi d'immagine
    La misura della dimensione e della forma delle particelle procede nello stesso modo del Morphologi G3, assicurando una totale accuratezza e sicurezza del dato. Quest'aspetto fondamentale non è sempre verificato con altre tecniche di imaging e chemical mapping. L'utilizzo della funzione di 'Sharp Edge' o del controllo manuale del threshold permettono di rilevare e discriminare le particelle per determinarne le varie proprietà morfologiche. 
  • MDRS® - MORPHOLOGICALLY-DIRECTED RAMAN SPECTROSCOPY
    Le componenti e le particelle di interesse vengono selezionate per l'analisi Raman. Le particelle possono essere individuate manualmente, in base alla loro morfologia oppure attraverso il software che seleziona un gruppo di particelle rappresentative dell'intero campione.
  • Risultati
    L' interfaccia utente intuitiva, le grafiche avanzate e le opzioni di classificazione dei dati rendono l'estrazione dei dati semplice ed immediata. Per ogni spettro Raman che viene acquisito, sono calcolati i punteggi che classificano le particelle in base alla loro composizione chimica. I dati morfologici associati alle particelle appartenenti ad una specifica classe vengono utilizzati per generare informazioni sulle singole componenti e distribuzioni di dimensione e forma. Le immagini nella scala di grigi sono collegate al rispettivo spettro Raman e consentono una verifica qualitativa dei risultati quantitativi. 

2-slide and 4-slide holders

Wet dispersion cell

Thin-path wet cell

       25 mm and 47 mm diameter filter holders

Fused silica filters and holder

Twin 35 mm petri dish holder                                                                                                                                                                                                                             

Caratterizzazione di biosimilari e altre biomolecole terapeutiche

Il mercato biofarmaceutico è in costante crescita e dal punto di vista analitico le sfide sono numerose: infatti, la caratterizzazione di una biomolecola terapeutica richiede uno sforzo tecnologico e analitico di gran lunga superiore a quello richiesto per lo sviluppo e la caratterizzazione di una molecola chimica. Dalle fasi di ricerca fino allo sviluppo e al controllo di processo risulta quindi fondamentale disporre di tecniche analitiche ortogonali per la conferma delle diverse caratteristiche oggetto di studio.


Biofarmaci e aggregati: il detector Light Scattering giusto per il mio cromatografo SEC

La crescita costante della ricerca in ambito biofarmaceutico richiede continui investimenti nella strumentazione analitica al fine di controllare le proprietà chimico fisiche delle biomolecole sotto studio. Proteine e anticorpi in soluzione tendono ad aggregare e la loro stabilità fisica deve essere continuamente investigata in varie condizioni di stress. Una delle tecniche più utilizzate per la determinazione degli aggregati è la Size Exclusion Chromatography con detector Light Scattering ...

Richiedi informazioni sul prodotto

Ho letto e compreso la Privacy Policy

 Accetto il trattamento dei dati per l'invio di informative tecniche e inviti agli eventi.